Valle delle orchidee di Sassano

Aiutaci a creare la pagina più completa sulla valle delle orchidee di Sassano

La “Valle delle Orchidee” si trova nel comprensorio del Monte Cervati (Cuore Naturalitico del “Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e degli Alburni” ) abbracciando per intero il territorio del Comune di Sassano. Si sviluppa su una superficie di 47 kmq lungo un percorso a circuito dove si possono osservare variegate specie di orchidee selvatiche, interessantissime dal punto di vista scientifico-conoscitivo, infatti sono presenti 184 entità diverse di Orchidee selvatiche (68 specie, 57 sottospecie, 35 varietà, 24 ibridi) in un territorio, particolarmente ricco di aspetti paesaggistici e botanici, arricchito inoltre dalla presenza della Betulla (arbusto maggiormente rappresentativo dell’Appennino centro-meridionale). Un immenso patrimonio naturalistico, dunque, soprattutto se si pensa che nell’area protetta del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e degli Alburni (181.000 ettari) sono presenti 284 specie di orchidee selvatiche delle 319 che se ne segnalano in tutta Europa e nel Bacino del Mediterraneo.

 

 

 

e ancora

 

 

 

 

 

Neopatentati guardate questo video!

Invece che far lunghe prediche ai giovani sul comportamento alla guida potete far vedere questo video e sicuramente molti di loro capiranno che le strade non sono piste dove correre…
Guidiamo i giovani verso comportamenti responsabili espondendoli alle conseguenze dei loro atti irresponsabili.
L’unica grande libertà è imparare il rispetto delle regole giuste.

Venerdì 5 Giugno 2015 – SASSANO. La polvere si solleva. Riempie lo schermo. Riempie gli occhi rossi già pieni di lacrime. Poi cala, la nuvola di terra scompare. E lascia la morte. La morte di quattro giovani, poco più che bambini. Perdono la vita Daniele Paciello, 19 anni, Giovanni Femminella, 16, il fratello Nicola, 22 anni, e Luigi Paciello, 15 anni. Dalla polvere esce l’auto schiantata contro il muro, la Bmw guidata da Gianni Paciello. Sono le 16.35 dello scorso 28 settembre, una domenica pomeriggio che rimarrà per sempre nella testa, nei cuori, nell’anima delle famiglie coinvolte, di una comunità intera.