Tag: muvi

#imparagratis a Caselle in Pittari Lunedì 8 Ottobre 2018

#imparagratis a Caselle in Pittari Lunedì 8 Ottobre 2018

Lunedi 8 Ottobre 2018 il comitato che sta realizzando ecologia.club e la cooperativa Labor Limae organizzano il primo incontro del progetto #imparagratis: una serie di incontri informali il cui scopo è quello di superare le barriere della conoscenza che impediscono di sfruttare in pieno le nuove tecnologie.

Il corso #imparagratis è aperto a tutti e non ci sono prerequisiti per potervi partecipare. I moduli formativi verranno sviluppati durante gli incontri e seguiranno le linee d’interesse dei partecipanti.

La sede della prima edizione del corso #imparagratis è il MuVi di Caselle in Pittari e ci inoltreremo nel fantastico mondo di Telegram e Reddit oltre che rispondere ad eventuali richieste che perverranno dal pubblico.

Si comincerà alle 17 e si terminerà intorno alle ore 19.

Se sei interessato a partecipare puoi lasciare un commento e sarai ricontattato o inviare un messaggio WhatsApp al numero 340 49 31 860

 

#imparagratis
#imparagratis
Mostra personale di Daniela “Fiò” Capuano al MuVi di Caselle in Pittari

Mostra personale di Daniela “Fiò” Capuano al MuVi di Caselle in Pittari

Il 23 Settembre 2018 alle ore 18, alla presenza del sindaco di Caselle in Pittari verrà inaugurata la personale di pittura di Daniela Fiò Capuano, artista cilentana ormai divenuta famosa a livello nazionale. L’ingresso è gratuito e la cittadinanza è invitata a partecipare.

 

Mostra di Daniela Fiò Capuano al MuVi di Caselle in Pittari. Inaugurazione 23 Settembre 2018 ore 18. Ingresso gratuito
Mostra di Daniela Fiò Capuano al MuVi di Caselle in Pittari. Inaugurazione 23 Settembre 2018 ore 18. Ingresso gratuito

Daniela Fiò Capuano

daniela capuano artista arte salerno 2016La passione per l’arte e’ stata la mia compagna di vita, sin da piccola quaderni e quaderni intrisi di colori e quando proprio non ne avevo a disposizione chiaro/scuro a matita.
Per necessita’ familiari ho dovuto abbandonare la volonta’ a frequentare liceo artistico, infatti il mio lavoro per vivere non ha nulla a che fare con l’arte anche se per la passione con cui lo svolgo alle volte mi da’ soddisfazione come i miei dipinti.
Per anni l’arte l’ho chiusa in un cassetto, sapendo di dover aspettare il tempo in cui avrei finalmente dedicato parte della mia vita a cio’ che sento piu’ mio.

In dieci anni che ho ripreso di scale ne ho salite tante, e penso che la vetta non la si raggiunge mai , penso che ogni artista in ogni opera metta in discussione se stesso, regalando all’osservatore attento parte di se e quando dico cio’ mi riferisco alla sfera più nascosta ( IL DOLORE, LA GIOIA,LA RABBIA , LE SCONFITTE E LE VITTORIE)
Sono un’astrattista che con l’uso del colore esprime sensazioni,momenti e stati d’animo, nel mio Cuore sono contenta di me e di cio’ che faccio per i giudizi e le considerazioni lascio all’osservatore carta e penna.

Diverse collettive.CERTOSA DI PADULA,
NAPOLI PRESSO ASSOCIAZIONE “MIA”
REGGIA DI QUISISANA A CASTELLAMMARE DI STABIA
MOSTRE COLLETTIVE NEL VALLO DI DIANO E NEL GOLFO DI POLICASTRO
1/2/3 EDIZIONE DELLA NOTTE BIANCA A VALLO DELLA LUCANIA
ROMA GALLERIA BACCINA 66
PERSONALI TEGGIANO CHIOSTRO SAN FRANCESCO
CENTRO STORICO DI MARATEA
TRA GLI ULTIMI EVENTI 1 PREMIO CERTOSA DI PADULA SEZIONE PITTURA/SCULTURA
ARTISTA SELEZIONATA A ARTIST CONTEST 2015 VIBO VALENTIA
ESPOSIZIONI CON ART EXPO’ GALLERY PAVIA CREMONA E FORLI’
CESENATICO
TRA I VINCITORI TROFEO COTE D’AZUR
COLLETTIVA GENI IN MOSTRA GOLFO ARANCI SARDEGNA
COLLETTIVA CENTRALE IDROELETTRICA TACCANI ENEL TREZZANO D’ADDA IN OCCASIONE
DELL’EXPO’ MILANO 2016 CURATORE CRITICO GIORGIO GRASSO
COLLETTIVA ALLA SALA DELLA PRO LOCO NELLA REGGIA DI CASERTA MESE OTTOBRE/2015
PREMIO DI MERITO MERCURIO D’ORO A CESENATICO
COLLETTIVA EXPO’ SALERNO AL TEMPIO DI POMONA
ROMA COLLETTIVA CHIESE IN MOSTRA CON OPERA SELEZIONATA IN ONORE DI
GIOVANNI PALATUCCI CHE SARA’ IN ESPOSIZIONE PERMANENTE AL MUSEO DELLA POLIZIA
DI STATO A ROMA
BIENNALE D’ARTE CONTEMPORANEA ROMA SALE BRAMANTE
PERSONALE AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI AGROPOLI

Sabato 14  Aprile 2018 al MuVi di Caselle la presentazione del libro “Respira la terra” di Paolo Baffari

Sabato 14 Aprile 2018 al MuVi di Caselle la presentazione del libro “Respira la terra” di Paolo Baffari

Sabato 14 Aprile 2018 alle ore 17:00 presso il MuVi Museo Virtuale di Caselle in Pittari verrà presentato il libro di Paolo Baffari Respira la Terra e seguirà un dibattito sulla situazione ambientalista italiana attuale. Presenterà l’evento il direttore del MuVi, Mariano Pellegrino e coordinerà gli interventi Marco Costanzo, curatore di una serie di eventi che vedono l’ambiente al centro di una nuova via di divulgazione della custodia del nostro pianeta sfruttando sia le nuove tecnologie che gli incontri ed i momenti di riflessione dal vivo.

L’autore firmerà le copie che gli interessati vorranno acquistare. Tutto il ricavato sarà devoluto al MuVi per le attività future di divulgazione delle tematiche ambientali.

Potete raggiungere il MuVi seguendo le indicazioni sul sito del Ministero dei Beni Culturali

http://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Luogo/MibacUnif/Luoghi-della-Cultura/visualizza_asset.html?id=178703&pagename=157031

M’ero ripromesso di andare ad una delle presentazioni del nuovo libro scritto dall’amico Paolo Baffari, architetto potentino particolarmente sensibile ai temi inerenti la partecipazione e compagno di tante battaglie ambientali essendo egli, come me, un tenace difensore della natura e dell’ambiente, spero di poter partecipare ad una delle prossime presentazioni ma nel frattempo il libro me lo sono “spolpato”.

Respira la terra”, questo il titolo dell’ultima fatica letteraria di Paolo, colma tre anni di vuoto dopo il bellissimo “Storia di ordinaria città” pubblicato nel 2010 e “dedicato” alla città in cui entrambi viviamo e che tutti e due vorremmo molto diversa da come ce l’hanno “confezionata”.

E’ l’opera di un rivoluzionario e non solo per la citazione di una frase di Che Guevara riportata nella prefazione. Come afferma Paolo Cacciari nella presentazione il libro di Baffari è da considerare un manuale di educazione ambientale, quella educazione all’uso della natura che ha folgorato l’autore il quale  occupa e dedica   gran parte del suo tempo all’impegno civico.

E’ rivoluzionario anche il saggio di Baffari perché incita a combattere la società dei consumi e della globalizzazione, lotta culturale ma lotta dura, una contro-rivoluzione antropologica in cui l’unica speranza per il futuro dell’umanità è un reale cambiamento che solo una corretta educazione ambientale può offrire.

Astronik