L’immigrazione? Una strategia Usa per controllare l’Europa. Fulvio Grimaldi su Byoblu.com

Assolutamente da vedere questo video per capire come mai si stia facendo in modo che in Europa arrivi un immigrazione incontrollata. Fulvio Grimaldi ci spiega con dovizia di particolari uno scenario internazionale che molti sostenitori delle ONG non contemplano nel loro quadro politico. possibile che le forze migliori di un continente così ricco debbano essere deportate in un continente decotto dal punto di vista industriale per poter essere utilizzate in maniera semi schiavistica? Lascia la tua opinione nei commenti.

Ex agente della CIA spiega minuziosamente il Governo Ombra USA

Kevin Shipp è stato un ufficiale della CIA, è stato decorato, ma si è rifiutato di accettare gli atti di criminalità e la relativa copertura da parte del Governo. In un importante evento di sensibilizzazione pubblica, organizzato il 28 luglio 2017 in California da Dane Wigington, ha fatto un intervento scioccante e illuminante sui numerosi e mostruosi crimini governativi che avvengono ormai in modo sistematico. E ha spiegato anche la persecuzione di chiunque voglia dire la verità su questa dilagante tirannia. Lo stato di cose che tutti noi conosciamo è stato costruito attraverso la falsificazione e con le oscure agende imposte dalla struttura di potere globale. Il coraggio, che Kevin Shipp ha mostrato nell’esporre la criminalità e la tirannia annidata nel governo USA, serve come fulgido esempio a tutti noi. Abbiamo disperatamente bisogno di altri individui nelle agenzie governative e nell’esercito, che portino avanti l’esempio di Kevin. Tutti noi abbiamo un ruolo essenziale nella battaglia per il risveglio e la consapevolezza delle masse, e per dare agli eroi come Kevin il sostegno necessario per andare avanti. Se abbiamo qualche possibilità di fermare questo gruppo criminale che controlla il nostro Paese e gran parte del mondo, dobbiamo tutti far sentire le nostre voci, dobbiamo tutti aderire alla lotta per il bene di tutti. Traduzione dall’inglese a cura di Alberto Scatto