Usare WordPress in maniera semplice

Vuoi creare un sito in cui siano i contenuti a fare la differenza? Puoi utilizzare sicuramente WordPress!

WordPress è un sistema gratuito e libero che ti permette di personalizzare la tua presenza online esattamente come abbiamo fatto noi di GuidaItalia.org.

Pensi che WordPress sia un prodotto per dilettanti? WordPress è uno degli strumenti più utilizzati per la creazione di siti web, con milioni di siti che si affidano ai suoi contenuti e servizi.
Inoltre è un progetto completamente open source che supporta un’ampia scelta di temi e plugin, lasciando all’utente la più totale libertà nel costruire e personalizzare il proprio sito come più desidera.
I programmatori, oggigiorno, stanno cercando ogni sorta di espediente per portare i propri siti WordPress al di là degli standard di design e funzionalità, con risultati che spesso risultano essere a dir poco sorprendenti.
Qui potete vedere 8 esempi dei loro lavori.

Clicca qui se vuoi vedere esempi di siti famosi che usano WordPress

 

Segui questo primo tutorial e lascia se vuoi un commento.

Ti garantiamo la risposta su tutti i dubbi che ti verranno…

 

corsi gratuiti
Visita i nostri corsi gratuiti e sponsorizzati o chiedine uno

Analfabetismo funzionale spiegato bene!

Il fenomeno dell’analfabetismo funzionale è diffuso anche tra i laureati.
La regressione dopo l’abbandono delle azioni di studio è uno dei primi problemi da affrontare in Italia ed è la causa dell’ignoranza volontaria che pone  in grande difficoltà la nostra nazione in tutta la sua vita sociale. Il gap più grande è nelle competenze digitali di coloro che hanno il compito di formare i nuovi cittadini italiani.

Cosa fa un analfabeta funzionale?

 

 

 

Ascoltiamo Tullio De Mauro…

 

 

 

Galimberti e la scuola

Umberto Galimberti, filosofo, psicologo e saggista, parla a Byoblu della scuola, dell’insegnamento, della socializzazione, dell’esplosione delle diagnosi facili di dislessia e discalculia, dell’essere genitori, dell’influenza del mondo digitale, della socializzazione, dell’essere ragazzi, del rapporto con l’autorità, del dialogo con i figli, di separazione… E il quadro che dipinge è ben riassunto in una delle sue frasi finali: “Speranze non ne ho, perché grande è la degenerazione”.