I giornalisti Sandro Ruotolo e Paolo Borrometi denunciano Feltri per razzismo contro i meridionali

In un articolo del 5 settembre, aveva definito il governo “uno zoo di terroni”, per denigrare la buona presenza di ministri del Sud nel nuovo esecutivo presieduto da Giuseppe Conte. Ma il riferimento razzista nei confronti dei cittadini del Sud non è andato giù ai giornalisti anticamorra e antimafia Sandro Ruotolo e Paolo Borrometi che hanno preso carta e penna per denunciare al Consiglio di Disciplina dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia Vittorio Feltri.

Leggi il resto qui

https://wp.me/pairF7-12f

Risultati Rosseau

Su Rousseau via libera a Conte bis

Via libera al governo Conte bis dagli iscritti del Movimento cinque stelle al termine della votazione sulla piattaforma Rousseau.
I sì sono stati 63.146 (79,3% dei voti), i no 16.488 (20,7%).

Appena ne verremo a conoscenza pubblicheremo il risultato della votazione su rousseau. Intanto spieghiamo ai nostri lettori il punto di vista Di Maio per poter commentare insieme le sue parole

Comunicazioni del Presidente Conte al Senato

Il presidente Conte si è dimesso. Qui il discorso integrale che chiaramente addebita le responsabilità della fine di questo governo ad un basso senso politico del responsabile della Lega.

doveroso ascoltare l’intero discorso per capire quanto potrà essere strumentalizzato da giornalisti di parte che in questo momento hanno interesse a muovere una macchina mediatica che non ha al suo centro l’obiettività dell’informazione.

Nadia Toffa: noi la ricordiamo così

È morta Nadia Toffa. La giornalista che aveva raccontato tutto con eleganza e semplicità.

Vogliamo ricordarla con questi video.

La terra ti sia lieve!

Qui il messaggio dei suoi colleghi

E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, NON PERDE MAI.
Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi.
D’altronde nella vita hai lottato sempre.
Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa. È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi.
Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la NOSTRA Toffa, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi.

Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta… il cancro, che fino a poco tempo fa tutti chiamavano timidamente “IL male incurabile” e che, anche grazie alla tua battaglia, adesso ha un nome proprio.
“Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, – dicevi – che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi”.

E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto.
Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare ad essere quelli di sempre.
Niente per noi sarà più come prima.